DICEMBRE, MESE DELL’ ATTESA….BAMBINI FATE I BRAVI….

Cari genitori…siate sinceri: così come recitano molti titoli di articoli, più o meno seri, pubblicati anche sui social, molti di voi stanno cominciando ad usare impropriamente il nome del povero, vecchio, Babbo Natale, per cercare di convincere i propri figli a comportarsi nelle giuste maniere…vero?

Sicuramente anche noi adulti ce lo siamo sentiti dire tante volte dai nostri genitori e tutto sommato troppo male non farà perché siamo tutti qui, vivi e vegeti ed esenti da traumi specifici in merito all’argomento ma, mi chiedo e vi chiedo…perché non utilizzare questi giorni di attesa,  dell’arrivo del tanto enfatizzato Babbo Natale, chiunque esso sia, anche con un nome diverso, tanto bramato dai bambini e tanto nominato dagli adulti, per costruire un percorso positivo?!

So che mentre leggete queste parole, nella vostra testa passa una frase a caratteri cubitali e con tanto di illuminazione pirotecnica: ” ma cosa avrà voluto dire?!”

SFRUTTARE POSITIVAMENTE L’ATTESA

Nulla di troppo complicato, incomprensibile o mirabolante, anzi al contrario, una cosa molto semplice: arricchite questo periodo di attesa, il cui nome nella religione cristiana è “periodo dell’Avvento”, di significati e insegnamenti, grazie anche al vostro esempio in prima persona! Certo non tutti saranno abituati a dare valore a questo particolare periodo dell’anno, che precede il giorno di Natale, a maggior ragione se gli si vuole dare una connotazione religiosa, ma non è di certo questo il mio intento .

Vorrei che poteste immaginare questi giorni di attesa, anche di una semplice data, segnata in rosso sul calendario, come una sorta di banco di prova per grandi e piccini, attraverso il quale dimostrare competenze, mettere in pratica piccoli sacrifici o semplicemente compiere gesti “gentili”.

Siamo soliti vedere nei supermercati calendari dell’Avvento rivolti ai bambini, solitamente con tante finestrelle da aprire, una per ogni giorno che li separa dal fatidico 25 Dicembre, nelle quali sono racchiusi dolciumi di ogni genere da gustare giorno per giorno… a tal proposito mi chiedo se non bastino quelli che si mangiano, a pranzo e a cena, in quasi tutte le case, nei giorni che intercorrono tra il 24 Dicembre e il 6 Gennaio….

E se al posto dei dolcetti ci fossero delle frasi che suggeriscono gesti, azione, comportamenti, rivolte magari un giorno ai grandi di casa e un giorno ai piccini, e che esaltino i valori, della famiglia, della vita, dell’educazione, del vivere sociale? Non sarebbe un occasione costruttiva per insegnare cose nuove, o ripassare cose vecchie, ai componenti di una famiglia, svincolandosi così dal momento dell’anno, dalla religione e da qualsiasi contesto, e andandosi ad intrecciare ad un intervento educativo, posto in maniera alternativa?

Non so quali saranno le risposte di ognuno di voi a queste mie domande, ma so quale è la mia personale risposta, quella che ho in mente: sì! I modi e le strade che si possono trovare per educare i bambini e per rispolverare qualche nozione sull’educazione al vivere sociale assopita dentro noi adulti, sono infinite!

COME INGANNARE L’ATTESA

Se le mie parole vi hanno suscitato quanto meno un’elaborazione mentale dell’argomento, e se vi ho addirittura convinto del buon auspicio di questo progetto, bando alle ciance:

  • trovate prima di tutto un progetto al quale dedicarvi: on line, digitando le prole ” calendario dell’Avvento”, verrete catapultati, tra immagini e suggerimenti di siti vari, in un modo parallelo dove sono certa la vostra fantasia verrà stimolata e, seppure mancate di manualità, vi verranno spiegati, passo per passo, tutti i procedimenti per dare forma alle vostre idee.

  • Recuperate quindi il materiale necessario alla costruzione pratica del calendario, seguendo le istruzioni pedissequamente…ma anche no…verrà meraviglioso anche se ci metterete del vostro, anzi forse verrà anche più bello!
  • Ritagliatevi del tempo da condividere con i vostri bambini, siate voi i genitori, i nonni, gli zii, le madrine o i padrini, bé insomma, chiunque voi siate, e spiegate ai bimbi il significato e il valore del vostro progetto ma soprattutto l’importanza, per voi adulti e per loro, di condividere questo cammino di attesa, al fine di interiorizzare, da parte di entrambi, gli insegnamenti che trarrete vicendevolmente da ciò che farete nei prossimi giorni.
  • Se siete arrivati a questo punto, ora arriva il bello, sicuramente la fase più impegnativa del progetto, ma anche quella con più valore intrinseco: decidete insieme ai vostri bambini, 24 frasi significative, tra pensieri, gesti e insegnamenti, da poter riporre in ciascuna finestrella, scatolina, cassettino del vostro personalissimo calendario. Vi lascio qualche esempio… qualche frase che io ritroverò, sparsa nel mio calendario dell’Avvento, o dell’attesa, che dir e pensar si voglia:                       “RICORDARSI DI DIRE GRAZIE E’ DAVVERO UNA BELLA ABITUDINE, MAGARI CON UN BEL SORRISO STAMPATO, PERCHE’ E’ UNA PAROLA CHE FA BENE AL CUORE”                           “IN FAMIGLIA, COSI’ COME NELLA SOCIETA’, AIUTARSI E COLLABORARE PORTA OTTIMI RISULTATI: OGGI RIORDINIAMO LA CASA TUTTI INSIEME!”                                                               “AVERE TROPPI OGGETTI CI TOGLIE IL PIACERE DI APPREZZARLI APPIENO, POSSIAMO REGALARNE ALCUNI A CHI NON HA LA POSSIBILITA’ DI AVERNE (giochi, vestiti, oggetti di uso comune)                                                                                                                                                               “CHIAMATELO CLAN, CHIAMATELA RETE SOCIALE,CHIAMATELA TRIBU’, CHIAMATELA FAMIGLIA. COMUNQUE LA CHIAMIATE, CHIUNQUE SIATE, NE AVETE BISOGNO.”
    (Jane Howard)

Pensieri “partoriti”?! benissimo! Riponeteli negli spazi loro preposti. Collocate il vostro calendario in un punto della casa dove non sfugga al vostro sguardo, già la mattina quando vi svegliate, così potrete iniziare ogni giorno con il vostro pensiero positivo!!

Spero che le mie parole vi possano essere state di ispirazione per condire questo periodo di attesa, con belle parole, bei gesti ed insegnamenti, per donare al cuore calore e allo spirito vigore! Fate i bravi….



Comment
  1. Ciao Dada Melissa,
    bellissimo articolo, come sempre. Ho due bimbe di 5 e 8 anni e a fine novembre realizziamo sempre un calendario dell’Avvento con materiali di recupero: legno, carta, mollette, ecc.
    E’ un momento molto bello da passare assieme e per loro è una felicità sapere di averlo fatto insieme.

Leave a reply